Pubblicato il: mercoledì 19 Gennaio, 2022
Delusione nella città del pistacchio

BRONTE – Etna, la Regione dice No ai bus turistici. Esulta Ciancio del M5S

Bus turistici, di dimensioni imprecisate, nelle piste forestali del Parco dell’Etna? La Regione dice ‘no’ e chiede all’ente Parco di revocare in autotutela l’autorizzazione rilasciata ai Comuni di Bronte e Maletto. La questione era stata sollevata all’Ars, lo scorso ottobre, con un’interrogazione presentata dalla deputata regionale del M5S, Gianina Ciancio. Il Parco aveva deciso di autorizzare la circolazione degli autobus proprio nelle aree a maggior tutela ambientale, tra le zone A (riserva integrale) e B (riserva generale), tra le quote 1.150 e 1.900 metri sul livello del mare. In risposta all’interrogazione, l’assessorato regionale Territorio e Ambiente ha adesso disposto la revoca dell’autorizzazione. 

“Il provvedimento contestato – ricorda la deputata Ciancio – è stato oggetto anche di un ricorso al Tar da parte di diverse associazioni e si scontra con le prescrizioni del decreto istitutivo del Parco dell’Etna. Tra queste, infatti, una norma vieta esplicitamente che in zona A, quella di riserva integrale, si possano introdurre veicoli motorizzati, ad eccezione di quelli autorizzati per motivi di servizio o di sorveglianza vulcanica. Criticità sottolineate dall’ufficio competente del dipartimento Territorio e Ambiente, che ha inoltre evidenziato la mancata richiesta del parere preventivo, da parte del Parco, al Consiglio regionale per la protezione del patrimonio naturale, per le opportune valutazioni. Siamo soddisfatti della risposta – conclude Ciancio – che di fatto conferma quanto da noi denunciato nell’atto parlamentare. Ci auguriamo che simili iniziative ‘temerarie’ non vengano più intraprese con tale leggerezza e che, in futuro, si ascoltino i territori che da tempo denunciavano la pericolosità, per l’ambiente, di un progetto simile”.

Gianina Ciancio

Commenti

commenti

Informazioni sull'Autore

Per restare aggiornato clicca mi piace