Pubblicato il: giovedì 25 Novembre, 2021
Ma resteranno esposti nella stessa struttura

TAORMINA – All’asta i “preziosi” dello storico Hotel San Domenico

Un viaggio tra i sogni, tra “gioielli” e arredi che impreziosiscono lo storico albergo taorminewse. Altari, scene sacre e ceramiche di Caltagirone rappresentano questo tesoro oggi all’asta : ben 292 beni che fanno parte del patrimonio culturale del San Domenico Palace saranno messi all’asta, in tre fasi a lotto unico, e poi a singoli lotti. Chi se li aggiudicherà non potrà portali a casa, perché l’ex convento fondato nel 1374 da Damiano Rosso, principe di Cerami e potente membro della famiglia Altavilla, che si fece frate domenicano, è stato in larga parte musealizzato dalla Regione Siciliana rendono gli arredi inamovibili dai luoghi dove si trovano. Chi se li aggiudica sarà riconosciuto come contributore della conservazione dei lotti e coprotagonista della storia dell’hotel San Domenico e della storia dell’arte siciliana. Trasformato in complesso alberghiero nel 1896 oggi la struttura continua la sua attività con il marchio Four Season. In 292 beni andranno all’asta per tre sedute a lotto unico (30 novembre e 31 dicembre 2021, 31 gennaio 2022), e poi a singoli lotti. Gli arredi del San Domenico sono tutt’ora proprietà di Amt Real Estate, che ha ceduto l’Hotel al Gruppo Statuto nel 2016 nell’ambito del concordato preventivo del Gruppo Acqua Marcia. L’asta è affidata alla Bonino che ha già realizzato le vendite degli arredi degli Hotel Villa Igiea, des Palmes e Excelsior di Palermo, Excelsior di Catania e Des Etrangers di Siracusa.Oggi con il marchio dell’eccellenza internazionale Four Seasons, dal 1896 il complesso alberghiero continua la propria storia di accoglienza anche nella forma di hotel, con visite di artisti, uomini d’affari e politici del calibro di Oscar Wilde, Edoardo VIII, Elizabeth Taylor, Audrey Hepburn, Sophia Loren e George e Barbara Bush, nonché ad essere quinta scenica di innumerevoli eventi e filmati, dal G7 alle presentazioni Ferrari, Swaroski e Dolce e Gabbana, da “L’Avventura” di Michelangelo Antonioni (1960) al “Il piccolo Diavolo” di Roberto Benigni (1988), “Le Grand Bleau” di Luc Besson, 1988, “Grande, Grosso e Verdone” di Carlo Verdone, 2007, nonché della serie TV “La Piovra” (1984-2001).

Le modalità di partecipazione sono disponibili sul sito www.bonino.us.

Commenti

commenti

Informazioni sull'Autore

Per restare aggiornato clicca mi piace