Pubblicato il: martedì 20 Luglio, 2021
5 appuntamenti tra vigneti,cantina e lo spettacolo dei luoghi

RANDAZZO – Etna Inspirante,arte,musica,vino,all’ombra del vulcano

Michele La Rosa – L’Etna leitmotiv, vini ed arte che si ispirano al vulcano che diventa ispirazione ma anche location degli eventi. Qui alle falde del Mongibello gli eventi vino-arte si moltiplicano per un pubblico sempre più esigente e che cerca novità. Stavolta siamo tra il confine castiglionese e quello di Randazzo, non lontano dalla storica borgata di Passopisciaro. Qui per il quinto anno consecutivo prende il via la manifestazione firmata dai produttori Camillo Privitera e Tiziana Gandolfo denominata “Etna Inspirante”, articolata in cinque appuntamenti e che vedrà alternarsi artisti e musicisti italiani e stranieri. Non solo degustazione di vini, ma gli organizzatori Privitera e Gandolfo propongono di uscire fuori dagli schemi classici della degustazione ed entrare nella sfera emozionale del pubblico attraverso un’esperienza di fruizione diretta, immersi nella potente bellezza di Contrada Sciaranuova, tra i filari di Nerello Mascalese.Un modo diverso di apprezzare il vulcano, il vino, l’arte.

Al via il 25 luglio con “Etna…di persona”, 6 produttori etnei di versanti diversi saranno chiamati a portare e raccontare un vino iconico e rappresentativo della loro storia di viticoltori. “Sarà un modo efficace per introdurre la manifestazione e raccontare il volto umano del vulcano – precisa Tiziana Gandolfo, produttrice e organizzatrice degli eventi a Primaterra – la passione, l’impegno e la ricerca che c’è dietro ogni etichetta sarà palpabile, ciò che desideriamo è creare attraverso il vino degustato una connessione tra i partecipanti e i produttori”. Produttori che si raccontano, che narrano le loro storie di imprenditori, di vignaioli, di cosa significa il vino dell’Etna nel mondo.Storie a confronto tra ieri ed oggi.

Il 31 Luglio “RiEchi di Etna Rêverie”in occasione della presentazione della nuova annata di Rosso Etna doc 2016, appena imbottigliata, riporterà in vigna i 5 artisti che quello stesso anno parteciparono all’esperienza di residenza artistica a Primaterra.
Il contributo di Loredana Longo, Giuseppe Lana, Canecapovolto, Filippo Leonardi e Alessio di Girolamo, sarà creare delle etichette per le Magnum, prodotte in edizione limitata, che saranno svelate e raccontate durante la serata.

“Abbiamo scelto il tema portante di ‘Etna Inspirante’ poiché la montagna che dal nostro vigneto è una visione costante, una protagonista assoluta, è qualcosa a cui volgiamo lo sguardo e il pensiero ogni giorno – spiega Privitera che insieme a Gandolfo è anche ideatore della manifestazione – si tratta di una concreta presenza e se siamo in cerca di risposte spesso il vulcano riesce a fornircele in una sorta di introspezione entropica”.

Il consueto gemellaggio con “Villa Pennisi in musica” si terrà il 6 Agosto con le musiche di Dvorak e Reger si esibiranno dal vivo Camila Sànchez alla viola, Francesca Vanoncini e Sofia Bandini ai violini per l’appuntamento “Metti insieme un siciliano, un francese, uno spagnolo e un tedesco…” nel quale si assaporeranno in modo comparato vini dal mondo provenienti da differenti paesi europei e poi l’8 Agosto con l’opening dell’installazione in vigna “Art/Earth is not Whore” di Gabriele Leanza, un’esperienza in abbinamento ai vini provenienti da 6 territori d’eccellenza. L’ultimo appuntamento è previsto per il 14 Agosto, il gran finale con “Bolle a Primaterra in una notte di mezza estate” sarà dedicato allo champagne ed altri mossi di grande rilievo. Gli appuntamenti sono organizzati in collaborazione con AIS Sicilia, tasting e servizio a cura dei sommelier AIS.

Commenti

commenti

Informazioni sull'Autore

Per restare aggiornato clicca mi piace