Pubblicato il: lunedì 24 Agosto, 2020
A cura di Angelo Manitta

FRANCAVILLA DI SICILIA – Presentati due libri sulla battaglia tra spagnoli ed austriaci del 1719

Trovati nuovi documenti ed aspetti inediti

MICHELE LA ROSA – Una battaglia che ridisegnò la geografia politica dell’Europa dell’epoca. Non fu solo uno scontro bellico per la conquista di un territorio. Non una pagina di storia locale ma pagine di storia di un contesto internazionale. E’ quanto sottolinea Angelo Manitta nel presentare due interessanti volumi sulla battaglia di Francavilla del 1719. Circa 800 pagine in due volumi con documenti inediti molti dei quali provenienti da fonti straniere. Un lavoro certosino in grado di rilevare aspetti inediti, sconosciuti alla bibliografia ufficiale finora conosciuta su questo conflitto. E’ questo in sintesi il risultato dei due libri presentati sabato sera al “Giardino della Vita”, lo spazio comunale divenuto in questi mesi salotto culturale e che ha ospitato diversi eventi. La battaglia di Francavilla del 1719 registrò diverse migliaia di vittime ed un vero e proprio fiume di sangue sia in quello austriaco che in quello spagnolo :i dati su questo scontro sono spesso discordanti tra le cronache del tempo e i resoconti di guerra dei due eserciti. L’autore, Angelo Manitta ha così scritto e pubblicato “La battaglia di Francavilla. La quadruplice Alleanza e la contesa della Sicilia”, pubblicando altresì, sempre per le edizioni “Il Convivio”, un secondo volume traducendo un testo di Thomas Corbett realizzato a suo tempo con il resoconto della battaglia di George Byng. Alla presentazione sono intervenuti il sindaco Vincenzo Pulizzi e il vicesindaco Gianfranco D’Aprile, i quali hanno evidenziato l’importanza di queste iniziative culturali che l’Amministrazione sostiene fin dal suo insediamento. Ad introdurre l’autore e le due pubblicazioni è stato Angelo Pirri, altro studioso di storia locale. L’autore per mesi è andato alla ricerca di nuove fonti e documenti, trovando molto materiale sopratutto in fonti straniere, grazie a documenti rintracciati in Spagna, Gran Bretagna, Austria, Germania e traducendone i testi. Già l’anno scorso il Comune aveva organizzato un ciclo di eventi in occasione del Tricentenario, coinvolgendo molti studiosi, docenti universitari e i cui atti dei convegni hanno riacceso i riflettori degli storici sulla battaglia di Francavilla donando così alla comunità scientifica un ricco patrimonio di notizie, dati, su questo importante capitolo della scena politico-militare dell’epoca, ma è lo stesso Angelo Manitta a evidenziare che nei due libri appena presentati ci sono risvolti inediti, aspetti finora sconosciuti a chi lo ha preceduto nella pubblicazione di libri e studi su quel conflitto, grazie proprio alle fonti da lui scoperte in documenti stranieri. Alla presentazione dei due libri sono intervenuti pure altri ricercatori e studiosi di storia locale, arricchendo il dibattito e consentendo di avere una panoramica più ampia anche su fatti collaterali allo scontro bellico tra spagnoli e austriaci avvenuto nella Valle Alcantara.

Commenti

commenti

Informazioni sull'Autore

Per restare aggiornato clicca mi piace