Pubblicato il: sabato 23 Maggio, 2020
Imprenditori chiedono alla Regione di pianificare insieme aiuti e strategie

TAORMINA – Riparte la funivia……con le speranze per una nuova fase del turismo.

MICHELE LA ROSA – L’appuntamento è stato stamattina alle 10.30 a Mazzarò. Da qui è ripartita la funivia per Taormina, quel collegamento da sempre tanto prezioso ai turisti e al sistema turistico. Qui insieme ad Antonio Fiumefreddo, Commissario Liquidatore dell’Azienda Servizi Municipalizzati di Taormina, c’erano il sindaco Mario Bolognari, l’Assessore Regionale alle Infrastrutture e ai Trasporti Marco Falcone, ma anche amministratori di vari centri del comprensorio come i sindaci Orlando Russo (Castelmola), Alessandro Costa (Letojanni), Nello Lo Turco (Giardini Naxos) Matteo Francilia (Furci Siculo) , Danilo Lo Giudice (S. Teresa di Riva), e Dania Papa assessore al Turismo del comune di Castiglione di Sicilia. Ma c’erano pure tanti giornalisti e numerosi imprenditori, sopratutto del comparto turistico che hanno evidenziato all’Assessore Regionale Marco Falcone diverse problematiche scaturite da questo lungo periodo dell’emergenza coronavirus e a cui hanno chiesto “aiuto” su più fronti affinché la Regione possa aiutarli concretamente in questo difficile momento in cui si tenta di ripartire. ” Oggi non è solo un fatto simbolico la ripartenza della funivia. Riparte Taormina e tutto il sistema turistico siciliano e la Regione non poteva essere assente. Il Governo Musumeci è impegnato concretamente sia ad affrontare e risolvere l’emergenza sanitaria in atto che ad affrontare l’emergenza economica e sociale che tutto ciò ha comportato ” – dichiarava l’assessore regionale Falcone. Il sindaco Mario Bolognari dal canto suo ha evidenziato la necessità di organizzarsi per avviare in più fasi la stagione turistica che comunque resta subordinata ad un quadro più ampio ed articolato che condiziona ancora la mobilità tra regioni ma anche dall’estero. ” Con la riattivazione della funivia si vuole dare un segnale forte al territorio, ai cittadini, agli operatori turistici. Significa che si riparte garantendo i dovuti canoni di sicurezza per i passeggeri” – diceva il commissario dell’ Asm Antonio Fiumefreddo. Diverse le novità per i fruitori della funivia : nelle cabine saliranno solo 4 persone per volta, comunque munite di dispositivi individuali di protezione. Le otto cabine dell’impianto verranno sanificate più volte durante la giornata ed il personale di servizio sarà dotato di mascherina. In questo primo periodo il servizio si svolgerà su un turno unico, con apertura alle 8 e chiusura alle 14. Sullo sfondo di questa “riattivazione” però c’è Taormina e sopratutto Mazzarò ancora deserti, qualche coppietta o famiglia sulla spiaggia dell’Isola Bella, ma ancora ristoranti e alberghi chiusi, segno che di fatto la ripresa è ancora lontana nella programmazione, anche perché di turisti ancora neanche l’ombra. Da qui la richiesta forte di imprenditori ed amministratori locali all’Assessore Regionale Marco Falcone affinché si faccia portavoce al Governo Musumeci delle difficoltà che ancora ci sono e sopratutto di “concertare” con gli stessi imprenditori turistici i provvedimenti necessari prima di stanziare soldi a pioggia ma vanificando gli obiettivi che invece si potrebbero raggiungere con soluzioni condivise tra le varie categorie di operatori turistici e la stessa Regione.

Commenti

commenti

Informazioni sull'Autore

Per restare aggiornato clicca mi piace