Pubblicato il: lunedì 23 Dicembre, 2019
Per la valorizzazione delle culture enogastronomiche legate al cibo

TROINA (En) – Nei Borghi con…gusto.Nasce la comunità Slow Food

Tra le eccellenze "vastedda cu sammucu"

Sancita sabato scorso, nel corso di un incontro svoltosi al palazzo municipale tra l’amministrazione comunale e la segretaria generale di Slow Food Sicilia Stefania Mancini Alaimo, la nascita a Troina di una “Comunità del cibo Slow Food”.                                      L’iniziativa, che rientra nel più ampio quadro di collaborazioni previste dal recente protocollo d’intesa siglato tra Slow Food Sicilia e l’ATS “I Borghi più belli d’Italia in Sicilia”, prevede la valorizzazione delle culture enogastronomiche legate al cibo tradizionale locale, alla sostenibilità, all’ambiente ed alla ricerca e alla conservazione di quelle tradizioni che caratterizzano il paesaggio e le culture contadine e marinare.                           Troina, prima capitale normanna della Sicilia e prima sede vescovile dell’Isola, fa infatti parte dal luglio scorso del prestigioso circuito de “I Borghi più belli d’Italia” e, tra le eccellenze gastronomiche del suo territorio, annovera la “vastedda cu sammucu”, una focaccia ripiena con salame e tuma e cosparsa di fiori di sambuco, le “nfasciatedde”, dolce a base di vincotto di fichi d’India e mandorle tostate e la “piciocia”, una sorta di polenta fatta a base di farina di cicerchia.                                                                                                    L’intesa tra le parti, impegna il Comune alla valorizzazione delle proprie produzioni tipiche locali, mentre Slow Food fornirà invece la chiave di lettura per gestire in modo sostenibile ed attuale le tradizioni enogastronomiche, spesso secolari, del territorio.                                       Compito delle comunità Slow Food è infatti sostenere un presidio, una coltura o una tradizione locale ed individuare,  in ambito regionale, una serie di manifestazioni, legate al cibo ed alle attività agricole e marinare, che potranno essere condivise fra Slow Food Sicilia ed i comuni aderenti al Club “I Borghi più belli d’Italia in Sicilia”.                                “Aderire al prestigioso circuito di Slow Food – spiega il sindaco Fabio Venezia – , è una grande occasione per promuovere le eccellenze gastronomiche del nostro territorio e valorizzare un segmento turistico che predilige il benessere, il contatto con la natura e il buon cibo. Dopo la pausa natalizia, organizzeremo un incontro per sensibilizzare i produttori ad aderire con entusiasmo alla comunità del cibo del Borgo di Troina”. (foto di copertina tratta dal sito https://enjoytroina.it)

Commenti

commenti

Informazioni sull'Autore

Per restare aggiornato clicca mi piace