Pubblicato il: lunedì 21 Ottobre, 2019
L'esperienza del Barolo sposa l'Etna

CASTIGLIONE DI SICILIA – Nasce Carranco, i vini firmati Farinetti e Tornatore

Nuova realtà tra il vulcano e l'Alcantara

Dall’incontro tra due produttori di grandi vini, Borgogno e Tornatore, nasce Carranco. Storicità, esperienza e autentiche radici etnee in vini “pura espressione” di un territorio unico al mondo e vocato alla produzione vitivinicola di alta qualità.
Carranco ,cantina situata ai piedi dell’Etna nata nel 2018 dall’incontro tra i due produttori Andrea Farinetti, Borgogno, e Francesco Tornatore. Connubio perfetto tra storicità ed esperienza e radici etnee autentiche, e la capacità di entrambi di produrre grandi vini pura espressione della terra d’origine. Borgogno, la cantina più antica di Barolo, e Tornatore uno dei pochissimi produttori Etnei autoctoni. Obiettivo dei vini Carranco è raccontare l’Etna esaltandone l’autenticità e unicità in un equilibrio tra tradizione e futuro.

La tenuta Carranco si trova all’interno dell’omonima Contrada nella frazione Pietra Marina di Castiglione di Sicilia e si estende per 8 ettari vitati e coltivati con i vitigni autoctoni dell’Etna, Nerello Mascalese per l’Etna Rosso e Carricante per l’Etna Bianco con vigne vecchie di 50-60 anni. Carranco sorge in un luogo storico dove è ancora custodito l’antico Palmento di fine ‘700 che sarà presto restaurato nel pieno rispetto della struttura originaria, e che oggi la vinificazione avviene in maniera tradizionale tra cemento, legno e terra cotta. Le vigne sono situate a 500 m di altitudine sul versante nord dell’Etna considerato il più vocato alla viticoltura grazie al suolo fertile ricco di minerali e materiali eruttivi, e alle escursioni termiche tra il giorno e la notte molto importanti per la vite. Nel pieno rispetto della tradizione e dell’ambiente, i metodi di agricoltura sostenibile di Carranco danno vita a uve di altissima qualità; in cantina i vini sono prodotti secondo tecniche di vinificazione ancora legate alla tradizione locale. Per questo motivo i vini rossi fermentano in vasche in cemento, come un tempo avveniva negli storici Palmenti, e per l’affinamento si utilizzano ancora le grandi botti di rovere. I vini bianchi invece fermentano in vasche d’acciaio e affinano in tini in cemento a temperature controllate.

Nel cuore di Carranco domina la residenza storica Villa dei Baroni del 1870. Il wine resort, con piscina e campo da tennis, è circondato dalle vigne, piante di olivi, un panorama mozzafiato sulle gole di Alcantara e il vulcano Etna, e la Dagala, il giardino dei Baroni: due ettari di vegetazione e fiori autoctoni con teatro naturale al suo interno che si animerà di spettacoli e concerti in programma per l’estate 2020. Villa dei Baroni è un luogo intimo e di relax per i suoi ospiti, punto di partenza per visite ai centri abitati come Castiglione di Sicilia, nominato tra i borghi più belli d’Italia, e Taormina distamnte solo 35 minuti di auto. Villa dei Baroni è completamente ristrutturata con materiali locali come la pietra lavica dell’Etna, i pavimenti in cotto fatto a mano e persiane in noce. Gli arredi e gli accessori sono di design moderno in contrasto con mobili e quadri antichi. A Villa dei Baroni, inoltre, personale specializzato organizza su richiesta e prenotazione escursioni tra i vigneti e degustazioni dei vini Etna Carranco.
  

Commenti

commenti

Informazioni sull'Autore

Per restare aggiornato clicca mi piace