Pubblicato il: martedì 18 Giugno, 2019
13 i produttori coinvolti

Isola di Salina, al via la nona edizione di Malvasia Day

13 produttori raccontano le diverse interpretazioni della Malvasia delle Lipari, il vitigno principe delle isole Eolie. La nona edizione del Malvasia Day, sabato 22 giugno a Salina, sulla terrazza di Capofaro Locanda & Malvasia: alle 18:00 conversazione a tre voci sul vitigno Malvasia delle Lipari “Acqua, aria, terra, fuoco: composizione del suolo, tecniche agronomiche e cambiamento climatico” con Lucio Brancadoro, agronomo docente dell’Università di Milano; Paolo Pennisi, geologo siciliano ed esperto dei vulcani delle isole, e Gabriele Cola, agrometeorologo. Cos’è la Malvasia? Come si esprime a Salina e in territori diversi? Cosa la rende così distintiva? Brancadoro, Pennisi e Cola discuteranno in dettaglio del rapporto tra varietà e territorio, della geologia e dell’evoluzione eruttiva delle isole di Vulcano e Salina, del cambiamento climatico con particolare riferimento all’analisi agrometeorologica delle isole Eolie. Il futuro del vitigno, invece, resta nelle mani delle aziende, custodi dei vigneti di Malvasia nelle isole Eolie, che saranno protagoniste del walk around tasting, alle 19:00 sulla terrazza di Capofaro: Barone di Villagrande, Tenuta Capofaro, Caravaglio, Castellaro, Colosi, D’Amico, Fenech, Hauner, Lantieri, Gaetano Marchetta, San Bartolo di Danilo Conti, Punta Aria, e Virgona.

LA MALVASIA A CAPOFARO
Capofaro è una delle cinque tenute vinicole della famiglia Tasca d’Almerita e – come per tutti i progetti di questa realtà di riferimento del vino di Sicilia – anche a Salina il punto di partenza è stato il vigneto. Al momento
dell’acquisizione i sei ettari di Capofaro erano impiantati a Malvasia da circa trent’anni: ne è stata conservata la parte migliore, ripristinando la struttura dell’impianto e colmando le fallanze. Si è combinato così il potenziale qualitativo di una vigna antica – tutt’oggi la vigna “Anfiteatro” – con l’opportunità di trovare nell’isola le piante di Malvasia più
interessanti, per realizzare un nuovo vigneto di uve dalla spiccata aromaticità. Raccolta precocemente crea vini secchi di buona acidità, con note di erbe aromatiche e floreali, da qui nasce il Didyme, dall’antico nome di Salina. La Malvasia raccolta a maturazione avanzata e con un leggero appassimento fornisce ottimi vini dolci, come Capofaro.
Dalla primavera di quest’anno, la famiglia Tasca d’Almerita ha ampliato il proprio progetto nelle isole Eolie, prendendosi cura di altri due ettari di vigna a Salina (nella zona alta di Val di Chiesa) e sperimentando il rapporto della varietà con il territorio a Vulcano, in 6,5 ettari di vigna coltivata con passione per anni, in regime biodinamico, da Paola Lantieri. “Vogliamo valorizzare le singole vigne e le diverse esposizioni pedoclimatiche, ma anche i diversi suoli e la loro interazione con il vitigno,” dichiara Alberto Tasca, “in un percorso da sempre legato alla sostenibilità e alla cura dei territori maggiormente vocati.” Una perla, quella del progetto Capofaro dedicato alla Malvasia, compresa anche la dimora Capofaro Locanda &
Malvasia del circuito Relais & Châteaux con al centro la luce dell’antico complesso del Faro, simbolo dell’isola tornato a nuova vita lo scorso anno dopo un accurato progetto di recupero e restauro. Il Faro ospita 6 tra camere e suite e un Micro Museo della Marina e della Malvasia – con testimonianze di memoria storica e ambientale, presente e futura, legate al mare che circonda le isole ed al vitigno principe su di esse coltivato – la Malvasia delle Lipari.

Commenti

commenti

Informazioni sull'Autore

Per restare aggiornato clicca mi piace