Pubblicato il: venerdì 3 Maggio, 2019
Al Castello Tafuri a sud della Sicilia

Portopalo di Capo Passero (Sr) – Giornata internazionale del nero d’Avola

MICHELE LA ROSA – Una location prestigiosa per un vitigno ambasciatore nel mondo dei vini siciliani. Giorno 11 maggio, ritorna l’evento tanto atteso che trasforma in appuntamento fisso la giornata internazionale del Vitigno “principe” di Sicilia: il Nero D’Avola. “Il Nero D’Avola rappresenta il carattere del Vero Siciliano, rosso, intenso, dal calore unico e dal gusto che lascia un ricordo indelebile nel palato di chiunque lo incontri, e soprattutto è un grande compagno della cucina internazionale.

Negli ultimi anni è cresciuto, è diventato un gran vino, apprezzato in ogni parte del mondo” – ci conferma l’autore della Guida sul Nero D’Avola e ideatore della Giornata Internazionale – Sommelier Zosimo (Carmelo Sgandurra). ” – scrivono testualmente gli organizzatori.

Come ogni edizione un ricco programma di iniziative a tal proposito, tra arte e cultura per un evento organizzato dall’associazione Club Sommelier, quest’anno in una location incantevole come il Castello Tafuri a Portopalo di Capo Passero che ospiterà le due giorni di kermesse dedicata esclusivamente al vitigno. Nella Giornata di Sabato 11 Maggio alle ore 10:00 si svolgerà il seminario. dal titolo : “Il Nero D’Avola per la Sicilia nel Mondo”. Autorità, enologi di fama mondiale, giornalisti (Italia, Albania, Georgia, Spagna, Francia, Romania, Russia) sono stati invitati a scoprire le peculiarità e la forza del Nero D’Avola. Relatori principali al seminario, gli enologi Bruno Fina, Vittorio Festa, Corrado Gurrieri, Antonio Froio insieme ai giornalisti come Ghia Parashivili (Georgia) e Davide Bortone (di Winemag) e Marcello Battaglia (consulente internazionale) che discuteranno insieme ad altri ospiti delle grandi risorse della terra Siciliana e del suo vino simbolo. Tantissime le iniziative che verranno presentate in occasione degli incontri. Per alcuni organi di stampa si tratta di una sorta di evento che rilancia il nero d’Avola, tra i vitigni più conosciuti della Sicilia, una sorta di rivincita, stante che negli ultimi anni c’è stata molta attenzione su altre zone e altri vitigni e relativi vini, seppur il Nero d’Avola è stato ed è ancora un vino particolarmente cercato, dove un calici di vino di nero d’Avola era diventando anni fa anche un momento cult che faceva tendenza nei locali.

Dalle ore 18:00 Apertura dei banchi degustazione aperti al pubblico previa registrazione sul sito http://www.nerodavolawine.com oppure in email nerodavolawine@gmail.com.

Commenti

commenti

Informazioni sull'Autore

Per restare aggiornato clicca mi piace