Pubblicato il: lunedì 14 Gennaio, 2019
Tra i più frequentati di Sicilia

MOTTA CAMASTRA – Alle Gole Alcantara 120mila ingressi dalla strada comunale

Dati importanti che la Regione dovrà attenzionare

Michele La Rosa – Le Gole dell’Alcantara si confermano tra i principali siti turistici siciliani. Nel 2018, solo dalla strada comunale di accesso si sono registrati 120mila  accessi a pagamento. In termini pratici significa che le Gole dell’Alcantara è una delle mete turistiche più conosciute e frequentate della Sicilia.
Un dato che è parziale considerato che poi vi è l’ingresso gestito dai privati e dove con molta probabilità ci potrebbe essere un numero di ingressi almeno pari a quello dell’ingresso pubblico. L’incasso per le casse municipali  per il 2018 è pari a circa 175 mila euro. “ Abbiamo già impegnato le somme ricavate per migliorare l’accesso comunale ed i servizi annessi, ovvio che una parte delle somme introitate servono a coprire i costi di gestione” – ci dice il sindaco Carmelo Blancato, e continuando “ i soldi incassati in parte andranno anche  a coprire i costi necessari per eventi, promozione e marketing in genere per il sito delle Gole ma   anche per tutto il territorio di Motta” – aggiunge ancora il primo cittadino.  Sono numeri che fanno riflettere se pensiamo che il sito registra complessivamente più presenze di molte aree archeologiche come quella di Naxos o la Villa del Casale di Piazza Armerina. Eppure malgrado ciò dalla Regione non giunge molta attenzione in tal senso, le Gole dell’Alcantara non sempre sono presenti nelle campagne di marketing in fiere ed iniziative internazionali, così come forse è giunta l’ora di ipotizzare anche un ciclo di eventi presso lo stesso sito visto il successo registrato l’anno scorso della rappresentazione teatrale “L’Inferno di Dante” che qui ha trovato una location naturale che ha emozionato il pubblico presente per la suggestione dei luoghi. Il numero di presenze al sito potrebbe essere anche da input per la riattivazione della tratta ferroviaria Alcantara-Randazzo che proprio all’ingresso comunale vede resistere ancora quella che era un casello ferroviario che potrebbe essere trasformato in stazione e fermata. Dalla primavera si riparte con la stagione turistica, gli operai sono già a lavoro per sistemare scalinata, ringhiera, aree adiacenti.

Commenti

commenti

Informazioni sull'Autore

Per restare aggiornato clicca mi piace