Pubblicato il: martedì 24 luglio, 2018
Visita guidata al piccolo museo

RANDAZZO – Teatro Doc in cantina con “L’alba del terzo Millennio”

Secondo appuntamento della rassegna estiva

Domenica 29 luglio, alle ore 20.30, alle Cantine Al-cantàra, andrà in scena lo spettacolo teatrale ‘‘L’alba del terzo Millennio” di Pietro De Silva, con Cosimo Coltraro ed
Emanuele Puglia, regia di Federico Magnano San Lio.
Secondo appuntamento della rassegna teatrale estiva Teatro Doc per la direzione artistica di Egle Doria, organizzata da Madè.

Tra le paure ataviche dell’uomo una delle più forti è senza dubbio quella dell’abbandono.
E cosa c’è di più terribile che trovarsi seminudi, immobilizzati (legati mani e piedi), in un luogo pressoché deserto, all’approssimarsi della notte, affamati e assetati, esposti a probabili intemperie? Poche altre situazioni risulterebbero più angoscianti di quella descritta… ma, fortunatamente (?) per loro, i protagonisti di questa vicenda non sono soli, sono in due e potranno, se non altro, farsi compagnia, infondersi coraggio e speranza l’un l’altro in attesa che qualcuno si ricordi di loro e venga a soccorrerli… ma sarà davvero così? O il destino avrà in serbo per loro (e per il pubblico che ne godrà gli effetti paradossali) una crudele sorpresa?
L’alba del terzo Millennio ha una tessitura tragicomica, gli spunti sono quelli della comicità classica, dai fratelli De Rege in poi: la differenza di ceto, cultura, quoziente intellettivo tra i due uomini.
Vi è poi, ovviamente, una “staticità” quasi sacrale che incombe (in maniera persino grottesca) sullo spettatore “costringendolo” a porre la propria attenzione sul percorso verbale dei due protagonisti.
Non, manca all’interno del testo, una sottesa critica sociale che trae linfa dalla condizione professionale umile e umiliante dei due, i quali rischiano in più tratti di farsi la classica “guerra tra poveri”…

Alle 18.00 visita guidata alle cantine e al “piccolo museo”
Alle ore 20.30 spettacolo teatrale in programma
Alle 22.00 salsicciata e degustazione dei  vini poetici.

La prenotazione è obbligatoria al numero 377-0211879 

Commenti

commenti

Informazioni sull'Autore

Per restare aggiornato clicca mi piace