Pubblicato il: venerdì 10 Marzo, 2017
Denunciati casi di bullismo anche nella Valle Alcantara

FRANCAVILLA DI SICILIA – Bullismo, cyberbullismo, sexting:giovani e nuove tecnologie, tra rischi ed opportunità

Il 27 marzo ultima fase del progetto con gli studenti delle classi V primaria e della secondaria di primo grado

Non bisogna demonizzare le nuove tecnologie che permettono di comunicare in tempo reale. Sul banco degli ” imputati” il web con i pc e gli smartphone, ma non solo. Occorre piuttosto rivedere il loro uso e le loro potenzialità, partendo proprio dai banchi di scuola e dall’esempio che anche la famiglia può dare. Casi di bullismo e cyberbullismo che accadono ovunque, anche nella Valle dell’Alcantara, così come è emerso in questi giorni durante l’evento formativo di cui scriveremo qui di seguito. Spesso le cronache ed i media ci “trasportano” altrove, lontano da noi, pensando che da noi certe cose non succedano: non sempre è così. L’Istituto Comprensivo di Francavilla di Sicilia, a tal scopo, in collaborazione con l’Associazione FIDAPA, sez. di Francavilla, con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale, ha organizzato nei giorni scorsi un corso di formazione per docenti delle scuole di ogni ordine e grado sui temi del bullismo e cyberbullismo, in attuazione delle “Linee di orientamento per azioni di prevenzione e di contrasto al bullismo e al cyberbullismo” emanate dal MIUR e in piena coerenza con il Piano di Formazione Triennale del personale docente.

Il corso si è tenuto nelle giornate del 6 e 7 marzo presso il Cine-Teatro “A. Ferrara” di Francavilla di Sicilia e ha avuto come  relatore il Prof. Francesco Pira, sociologo della comunicazione, docente presso l’Università degli Studi di Messina dove insegna giornalismo digitale e comunicazione integrata. Il Dirigente Scolastico, prof.ssa Angela Mancuso, ha aperto i lavori sostenendo che la scuola deve essere responsabile della qualità delle attività educative ed impegnata a garantirne l’adeguatezza alle esigenze culturali e formative degli alunni. Di fronte alla complessa relazione “nativi digitali – social network” il coinvolgimento della scuola deve essere sistemico, non sull’onda dell’emergenza, ma espressione dell’intenzionalità educativa collegiale e condivisa.

In questa cornice hanno trovato giusta collocazione gli incontri di formazione su tematiche di particolare attualità quali le diverse forme di bullismo e cyberbullismo: “Si tratta di argomenti che richiedono un adeguato approfondimento, affinché le scuole possano attivare efficaci percorsi formativi per gli studenti, finalizzati non solo alla prevenzione e al contrasto dell’uso inadeguato e prevaricante della rete e in particolare dei social network,  ma anche all’utilizzo consapevole, competente, corretto di strumenti che rappresentano preziose risorse in termini di comunicazione, apprendimento e costruzione di positive relazioni. La scuola è la prima fondamentale istituzione educativa, dopo la famiglia, con cui i giovani si confrontano e su cui misurano l’attendibilità del rapporto tra le regole sociali ed i comportamenti reali. È necessario allora che essa offra l’immagine coerente di “luogo” dove i diritti e le libertà di tutti, nel reciproco rispetto, trovano spazio di realizzazione, dove non vengono frustrate le aspettative dei ragazzi a discapito di un equilibrato sviluppo culturale e sociale facendo sì che essi acquisiscano una sempre maggiore consapevolezza verso il rapporto con la tecnologia e sviluppare un atteggiamento di riflessione sui propri comportamenti”. L’ampio risalto dell’iniziativa – che ha visto convergere nella sede di Francavilla docenti provenienti da diversi Istituti della provincia di Messina – rappresenta un’opportunità di crescita collettiva con ricadute future. L’evento troverà completamento in un incontro formativo rivolto agli studenti delle classi V primaria e della secondaria di primo grado di tutto l’Istituto Comprensivo che si terrà, sempre nei locali del Cine-Teatro, giorno 27 marzo, dalle ore 10,00 alle ore 12,00.

Anche il Sindaco dott. Pasquale Monea e la presidente della FIDAPA, ins. Maria Teresa Guidotto, nel salutare i presenti hanno voluto sottolineare l’importanza del legame scuola – territorio, binomio inscindibile per la piena realizzazione di percorsi formativi.  In particolare la Presidente della FIDAPA si è soffermata sulle vittime femminili di bullismo e cyberbullismo  sostenendo che “Si tratta di un fenomeno in crescita che riguarda le donne nella fascia di età compresa tra i diciotto ed i ventiquattro anni. Queste aggressioni hanno risvolti anche nella vita offline, esse, infatti, potrebbero scegliere volontariamente di restare fuori dalla rete ed essere disconnesse nel XXI secolo è come aver distrutto il proprio diritto alla libertà, al lavoro ad incontrare persone e ad esprimersi liberamente”.

Molto apprezzata dai docenti è stata la capacità del relatore di trasmettere messaggi efficaci, basati su studi scientifici, sondaggi, ma anche molti fatti accaduti. Due seminari ricchi di contenuti e di spunti sui quali riflettere e discutere nelle classi con gli alunni e i rispettivi genitori. Tutti i presenti hanno ascoltato con grandissima attenzione, complimentandosi per la chiarezza espositiva e la capacità di catalizzare l’attenzione di tutti per alcune ore. Il Dirigente ha manifestato soddisfazione per l’ampia riuscita del seminario organizzato dall’Istituto Comprensivo francavillese con il coordinamento della dott.ssa Rossana Ricciardi, ringraziando tutti i docenti della Commissione Eventi: Maria Giurrandino, Maria Calabrò, Salvina Crifò, Adelaide Polizzi e Salvatore Sgarlata per il loro prezioso contributo ed il profuso impegno.

 

 

Commenti

commenti

Informazioni sull'Autore

Per restare aggiornato clicca mi piace