Pubblicato il: sabato 21 Novembre, 2015
un Organismo a tutela dei cittadini

ACIREALE : primo Comune a dotarsi di un Organismo di composizione della crisi

diversi i comuni del comprensorio che aderiscono

04-D-Foto-il-sindaco-di-Acireale-Roberto-BarbagalloLunedì 23 novembre alle ore 10.00 al Palazzo del Turismo, in via Ruggero Settimo, il sindaco Roberto Barbagallo, l’assessore alle Politiche Sociali Adele D’Anna e il referente de “La Tutela degli Onesti” Salvatore Alessandro illustreranno alla stampa l’organizzazione del servizio di gestione della crisi da sovraindebitamento.  Saranno presenti anche i sindaci dei Comuni che aderiranno all’ OCC del Comune di Acireale. 

Il Ministero della Giustizia con provvedimento del 16/11/2015 ha iscritto nell’apposito registro, costituito ai sensi della Legge 3 2012, l’Organismo di Composizione della Crisi, “La Tutela degli Onesti”, costituito dal Comune di Acireale. Acireale è il primo Comune italiano a dotarsi di un OCC riconosciuto dal Ministero, che potrà far da tramite tra le famiglie, gli imprenditori, i commercianti, i cittadini in difficoltà e il Tribunale di CataniaIl riconoscimento dell’OCC del Comune di Acireale “La Tutela degli Onesti” arriva a pochi mesi dalla convenzione con l’Associazione “I Diritti del Debitore”, che si è fatta portavoce della legge 3 del 27/01/2012, che prescrive che ogni cittadino, anche se gravato da debiti e interessi, deve continuare a mantenere un tenore di vita dignitoso. Referente dell‘Organismo è Salvatore Alessandro, che ha curato per conto del Comune l’istruttoria della richiesta presentata al Ministero. Sono stati nominati Gestori della Crisi 16 professionisti che avranno l’incarico di asseverare i Piani di Ristrutturazione del Debito, che l’Organismo presenterà al Tribunale di Catania per conto delle famiglie e delle imprese in stato di sovraindebitamento. Il neo costituito Organismo ha già creato una rete di Comuni aderenti, anche i cittadini di Aci Bonaccorsi, Aci S. Antonio, Biancavilla, Bronte, Calatabiano, Maletto, Mascali, Misterbianco, Paternò, Pedara, San Giovanni La Punta, San Pietro Clarenza, santa Maria di Licodia, Santa Venerina e Valverde potranno rivolgersi ai rispettivi Comuni per la pre-istruttoria delle richieste.

 

 

Commenti

commenti

Informazioni sull'Autore

Per restare aggiornato clicca mi piace