Pubblicato il: martedì 11 Agosto, 2015
L’Orizzonte Catania Under 15 è Campione d’Italia

CATANIA :Le catanesi hanno conquistato il titolo tricolore, dopo aver sconfitto le padrone di casa del Plebiscito Padova

Grande entusiasmo

Orizzonte Catania Under 15 Campione d'ItaliaUn sogno coltivato con grande lucidità per un anno intero si è prontamente realizzato grazie alla determinazione di chi ha voluto a tutti i costi che ciò per cui si è lavorato con tanta forza di volontà si concretizzasse nella più grande delle gioie. L’Orizzonte Catania si è laureata Campione d’Italia di pallanuoto femminile Under 15 e lo ha fatto in modo indiscutibile, senza se e senza ma, completando un percorso schiacciante iniziato due anni fa, passato per il bronzo conquistato nella scorsa edizione e arrivato all’apice con il tricolore di ieri. Un progetto perfetto, con tanti architetti ed ingegneri ancora molto giovani ma di estremo talento, coordinati dall’ineguagliabile regia del Presidente Nello Russo e del Coach Martina Miceli, che hanno dimostrato ancora una volta che non è un caso che le imprese più belle della pallanuoto internazionale siano state costruite a Catania. Così, dopo qualche anno d’attesa, le rossazzurre tornano ancora una volta sul tetto d’Italia e lo fanno con quelle Orizzontine terribili che in più di un’occasione negli ultimi dodici mesi avevano permesso a tutti di sognare ad occhi aperti ciò per cui oggi si festeggia e che adesso più che mai lasciano immaginare quello che potrebbero realizzare tra qualche anno in prima squadra. E’ una soddisfazione immensa, condita da sei vittorie schiaccianti ottenute da Capitan Isabella Riccioli e compagne in altrettante partite giocate nei Play-Off Scudetto di Padova, coronati dal successo nella finalissima vinta 11-6 proprio sulle padrone di casa del Plebiscito, arrivato dopo la nettissima vittoria per 11-4 nella semifinale contro le campionesse uscenti della Florentia. Cinque goal di Riccioli, due ciascuno di Martina Casabianca e Roberta Santapaola, una a testa di Francesca Sapienza e Dorotea Spampinato hanno marchiato l’impresa colorata dall’elezione di Giorgia Amedeo a miglior giocatrice delle finali. Una favola vissuta con entusiasmo sin dall’inizio, diventata realtà grazie al contributo di tantissime persone che non hanno alcuna intenzione di placare la propria fame e che anzi guardano molto più in là, scolpendo la giornata di ieri nel proprio cuore come ha fatto il Presidente dell’Orizzonte Catania: “Il 9 agosto 2015 è una data che rimarrà incollata nella mia memoria – ha detto il Prof. Nello Russo – , e sono certo che sarà lo stesso anche per tutti i nostri amici e tifosi. Ho sempre considerato le nostre giovani giocatrici come delle nipotine e da loro ho ricevuto uno dei più bei doni della mia vita. Mi hanno regalato il primo piccolo grande Scudetto giovanile della storia della nostra società, che va ad aggiungersi con grandissimo merito ai diciannove conquistati con la prima squadra. Questo ci permette di affiancare alla stella grande una più piccola, ma giovanissima, bellissima e lucentissima. Ringrazio con grande emozione tutte le nostre piccole atlete, ma anche colei che considero come una figlia, Martina Miceli, che ha avuto la straordinaria capacità di trasformare un gruppo di ragazzine e bambine in una grande squadra! Sono sicuro che questo sia solo l’inizio e anche per questo invito i catanesi a continuare a volerci bene, come noi amiamo questa terra e chi vuole bene all’Orizzonte”. Come lo stesso numero uno della società rossazzurra ha sottolineato, questo trionfo è firmato da un direttore d’orchestra formidabile come il coach dell’Orizzonte Catania, che ventiquattro ore dopo il successo ribadisce quanto già dichiarato a caldo subito dopo la vittoria contro il Plebiscito Padova: “Questo Scudetto equivale ad un pezzettino della seconda stella che ancora manca alla prima squadra – dice con orgoglio Martina Miceli – e che magari in un giorno non troppo lontano riusciremo a conquistare anche con molte di queste stesse ragazze in vasca. Per noi infatti questo è uno scudetto in prospettiva ed è ancora più importante proprio per questo. Abbiamo disputato una finale strepitosa e le nostre Orizzontine hanno dimostrato tutte di essere all’altezza del nome della nostra società. Dico sempre alle mie atlete che Tania Di Mario è l’esempio da seguire, chi ha lei come punto di riferimento ha dentro il DNA Orizzonte. Lo stesso che è venuto fuori in questa finale così importante per la nostra stagione e che ci ha permesso di fare questo bel regalo al nostro Presidente, sempre pronto a fare sacrifici e a sostenerci, credendo in noi anche nei momenti di difficoltà. Questa squadra ci dà importanti garanzie soprattutto in ottica futura, sappiamo di poter contare su un gruppo che potrà affrontare da protagonista il prossimo campionato Under 17 e abbiamo già gettato le basi per un’altra Under 15 di grande valore, con cui cercheremo di difendere questo fantastico scudetto. Voglio ringraziare tutte le persone che ci hanno aiutato in questo percorso, a partire dalla Brizz Acireale con i suoi tecnici Carlo Zilleri e Claudio Giuffrida, perché senza la loro collaborazione non saremmo mai riuscite a raggiungere questo traguardo. Bisogna sottolineare l’enorme contributo di Aurora Coppolino, assolutamente indispensabile per tutte noi. Voglio ringraziare anche chi, come Giulia Aiello, Francesca Musumeci e Daniela Vecchio, non ha potuto essere con noi per limiti d’età essendo nate nel ’99, ma fanno parte di questo gruppo da sempre e per questo un pezzo di Scudetto è anche loro. E’ bello averlo vinto proprio a Padova, dove due anni fa dopo una meritata sconfitta subìta dalla prima squadra si è deciso di chiudere un ciclo, quando tanti ci presero per folli, e con grande coraggio si è deciso di rifondare l’Orizzonte Catania. Continueremo a mettere lo stesso coraggio anche nelle prossime stagioni e in tutti i nuovi progetti che ci aspettano, a partire dalla nostra nuova casa che sarà il nuovo centro EKIPE SPORT AND FAMILY CLUB”.

Commenti

commenti

Informazioni sull'Autore

Per restare aggiornato clicca mi piace