Pubblicato il: venerdì 17 Luglio, 2015

Il gruppo parlamentare Cinquestelle all’Ars torna ad invocare le dimissioni del governatore Crocetta

images (3)La Procura continua a smentire l’intercettazione, l’Espresso a confermarla ed in soccorso della testata arriva perfino l’Ordine dei giornalisti: in un parola regna la confusione più totale. L’unica certezza in questo mare di dubbi è comunque una: Crocetta era e resta una sciagura per la Sicilia, non dimentichiamolo. Altro che blindatura, se ne deve andare. E subito”. Il gruppo parlamentare del Movimento 5 Stelle all’Ars torna a chiedere le dimissione del governatore dopo le uscite del Pd, che ha tesaurizzato le parole della Procura per blindare Crocetta e “per tenere attaccata al respiratore automatico questa legislatura ormai allo stato vegetativo”. Il punto non è intercettazione sì o no – dicono i deputati M5S -, il governatore è impresentabile a prescindere, e basta guardare le rovine che ha disseminato in lungo e in largo per l’isola per rendersene conto. Invece Il Pd pensa di avere trovato la quadratura del cerchio e il modo per tirare a campare fino alla prossima lite, a dispetto degli interessi dei siciliani. La verità è che hanno il terrore delle urne. Sanno che andare alle elezioni ora per loro sarebbe una tremenda disfatta”. Sull’intercettazione incriminata i parlamentari chiedono comunque chiarezza: “I lati oscuri dicono – sono – parecchi. Non vorremmo che anche questo finisse per essere archiviato come l’ennesimo mistero insoluto di questo Paese”.    

Commenti

commenti

Informazioni sull'Autore

Per restare aggiornato clicca mi piace